Organizzata in occasione di Expo Milano 2015, la mostra “Mito e natura. Dalla Grecia a Pompei” presenta un aspetto in gran parte sconosciuto del mondo classico: la rappresentazione della natura e dell’azione umana sulla realtà naturale e sull’ambiente. Attraverso più di 150 opere d’arte greca, magnogreca e romana, databili tra il VIII sec. a.C. e il II sec. d.C. e provenienti da musei italiani e internazionali, fra cui il Museo Archeologico di Atene, il Kunsthistoriches Museum di Vienna, il British Museum di Londra e il Louvre di Parigi, l’ esposizione cerca di dimostrare quanto il mondo naturale abbia ispirato l'arte di tutti i tempi e anche l'arte antica.

vaso bluLa mostra vuole essere “un insolito percorso intorno a un tema centrale, ma pochissimo indagato specificamente, del mondo antico”: gli oggetti riuniti ci raccontano come e in quanti modi si fu sviluppata nelle società antiche la rappresentazione di ciò che ci circonda. La mostra segue un percorso sia tematico che cronologico ed è articolata in sette sezioni: lo spazio della natura – la natura come segno e metafora – la natura coltivata dono degli dei – il giardino incantato – dalla natura al paesaggio – il verde reale e il verde dipinto – nature morte e nature vive di Pompei. Tra i capolavori esposti si trovano molti vasi dipinti, terracotte votive, affreschi e anche oggetti di lusso. 

“Mito e natura. Dalla Grecia a Pompei”è una mostra di notevole interesse storico ed archeologico,organizzata da Palazzo Reale in collaborazione con la casa editrice Electa e realizzata con il sostegno del Comune di Milano-Cultura, l’ Università degli Studi di Milano, l’ Università degli Studi di Salerno, il Museo Archeologico di Napoli e la Soprintendenza Speciale per Pompei, Ercolano e Stabia.

Ospitata nelle Sale di Palazzo Reale, l’ esposizione rimarrà aperta al pubblico fino al 10 gennaio 2016.

 

dettaglio a bassa

banner newsletter punto