Un’ interessantissima conferenza internazionale intitolata “Media, Polis, Agorà- Giornalismo e Comunicazione nell'Era Digitale- AMIRetreat2018” a preso luogo a Salonicco dal 27 al 29 Settembre 2018.
La conferenza è stata co-organizzata dall’ “Advanced Media Institute”, dal Corso post-laurea sulla Comunicazione ed il Nuovo Giornalismo dell’Università Libera di Cipro (APKY), dal Laboratorio di Studi e di Ricerca Applicata (Laboratoire d’Études et de Recherches Appliquées en Sciences Sociales) dell’Università Toulouse III -Paul Sabatier, e dal Segretariato Generale per i Media e la Comunicazione del Ministero greco per la Politica Digitale, le Telecomunicazioni e i Media.
Gli oratori principali sono stati Sarah T. Roberts, Professoressa assistente del Dipartimento di Studi Informativi nella Facoltà di Specializzazione in educazione e studi informativi, presso l’Università di California, Los Angeles (UCLA), Sharmini Peries, giornalista e produttore esecutivo per la Rete “The Real News Network” ed Eugenia Siapera, Vice direttrice dell'Istituto per i Media e il Giornalismo e presidente del corso post laurea per i media sociali, presso l’Università di Dublino.
20102736 
Il Vice Ministro greco per la Politica Digitale, le Telecomunicazioni e i Media , Lefteris Kretsos, ha assistito e rivolto un saluto all'apertura della conferenza. "Se il nostro obiettivo è una società libera e democratica, è indispensabile adottare un approccio critico verso l’informazione", ha detto il ministro. Kretsos ha sottolineato che "Le notizie non sono gratuite e non possono esserlo. Se non vengono pagate con soldi , verrano pagate avendo ceduto i loro elementi di democrazia"; poichè la stampa non rende “prodotti”, ma notizie per lettori e non per consumatori. Secondo il ministro, la conferenza “AMIRetreat2018” gioca un ruolo chiave nel dibattito sulla transizione verso l'era digitale e la stabilizzazione di un rapporto simbiotico fra la cultura e la tecnologia digitale.
 
"Tutti devono approfittare del loro ruolo- sia come leader politic che come giornalisti o accademici- perchè assicurino che questioni come la libertà di stampa, la parità di accesso all’ informazione o il funzionamento democratico delle istituzioni rimangono in prima linea", ha osservato il ministro.
 
Lefteris Kretsos ha anche elaborato sulle iniziative del Ministero per proteggere i valori che legano il giornalismo con la società e la politica nell’ambito della nuova era digitale.
 
I professionisti dei media, ricercatori e giornalisti hanno partecipato a vari workshop, seminari e laboratori con idee innovative e buone pratiche sotto lo scopo di studiare l'interazione dinamica della politica (Polis), del giornalismo e della comunicazione (Media) e della sfera pubblica (Agorà).
 
 
[Cura editoriale: A.K.]

banner newsletter punto