Fregio di Partenone Acropolis Museum

La scienza all'avanguardia potrebbe fornire la soluzione alla campagna greca lunga da decenni relativa al ritorno dei marmi del Partenone e alla riunificazione di uno dei più grandi monumenti culturali del mondo? L'Institute of Digital Archaeology ritiene di poter ricreare una replica esatta delle sculture del Partenone con la tecnologia di stampa 3D, utilizzando scansioni effettuate da telecamere 3D. Ioannis Raptakis, l'ambasciatore greco nel Regno Unito, ha accolto con favore l'annuncio, affermando che il governo britannico ha ora un'opportunità unica per porre fine a un'ingiustizia che pesa su tutti i greci.

In un recente editoriale (14-2-2022) il quotidiano britannico ''The Times” ha incoraggiato il British Museum ad ''abbracciare questa opportunità tecnologica'', dopo aver recentemente cambiato la sua posizione principale su questo tema: ''Per più di 50 anni, artisti e politici hanno sostenuto che opere d’arte così fondamentali per l'identità culturale della nazione dovrebbero tornare in Grecia. Il museo e il governo britannico, sostenuti dal Times, hanno resistito alla pressione; ma i tempi e le circostanze cambiano. Le sculture appartengono ad Atene. Ora dovrebbero tornare".

 Foto Athens News Agency Bring them back Sergio Garcia Unsplash Unesco

 

Come sottolineato da Janet Suzman, presidente del Comitato britannico per la riunificazione dei marmi del Partenone, c'è un nuovo momentum per il ritorno dei marmi del Partenone in Grecia, in seguito agli sviluppi dell'ultimo anno circa su un triplo livello, cioè governo, museo e opinione pubblica.

In particolare, al World Leaders Forum della Columbia University nel dicembre 2020 - poco prima del bicentenario della rivoluzione della Grecia – il primo ministro Kyriakos Mitsotakis ha riaffermato la determinazione della Grecia a recuperare le sculture che sono state in possesso del British Museum dal 1816 dopo un accordo raggiunto da Lord Elgin, che li acquistò dalle autorità ottomane prima dell'indipendenza greca. Il Primo Ministro greco ha affermato che la Grecia aveva una causa legale e morale molto credibile per la restituzione e l'esposizione dei marmi nel Museo dell'Acropoli.

Nel febbraio 2021, anche il ministro degli Esteri greco, Nikos Dendias, ha sollevato la questione con il suo allora omologo britannico, Dominic Raab, riferendosi ai "monumenti inestimabili del patrimonio culturale del paese, che sono ospitati nel British Museum" e chiedendo un quadro da formulare per il loro ritorno in Grecia.

La famosa collezione di queste sculture sotto disputa comprende alcune delle sculture dei frontespizi e delle metope, che rappresentano battaglie tra i Lapiti e i Centauri, nonché alcuni fregi del Partenone, che decoravano la parte superiore delle pareti della cella del tempio longitudinalmente. Di conseguenza, rappresentano più della metà della restante decorazione scultorea del Partenone che è sopravvissuta nel tempo.

Il caso delle sculture del Partenone è all'ordine del giorno del Comitato Intergovernativo dell'UNESCO per la Promozione del Restituzione dei Beni Culturali nei Paesi di Origine (ICPRCP) da quasi quarant'anni. Fu Melina Mercouri, l'allora ministro greco della Cultura, a sollevare per prima la questione del loro ritorno alla Conferenza mondiale dell'UNESCO sulla politica culturale tenutasi in Messico nell'agosto 1982. Nonostante il Forum si sia pronunciato a favore della causa, affermando che la restituzione delle opere illecitamente sottratte ai paesi d'origine è un principio fondamentale delle relazioni culturali tra i popoli, la controparte britannica di Mercouri ha risposto che il governo britannico “non poteva interferire negli affari di un'istituzione privata come il British Museum”.

 Avventure dei Marmi di Partenone in tempi moderni (© Acropolis Museum)

Tuttavia, una risoluzione emessa nel settembre 2021, nel contesto della 22a sessione dell'ICPRCP dell'UNESCO, sta cambiando le regole del gioco. La risoluzione riconosce la "legittima richiesta" della Grecia per la restituzione delle sculture del Partenone che furono saccheggiate da Lord Elgin più di duecento anni fa. Inoltre, riconosce la questione come intergovernativa (e non come una questione tra i due musei) e chiede al governo del Regno Unito di avviare un dialogo in buona fede con i greci per trovare una soluzione a questa controversia di lunga data sui beni culturali.

In particolare, il secondo giorno della 22a sessione dell'ICPCRP, la Grecia ha fatto la sua presentazione in videoconferenza dal Museo dell'Acropoli di Atene. La sua delegazione era composta dal nuovo Direttore Generale del Museo dell'Acropoli, Nikolaos Stampolidis, dal Segretario Generale della Cultura, George Didaskalou, dal Capo della Direzione della Documentazione e Protezione dei Beni Culturali, Vassiliki Papageorgiou, e dal consulente legale del Ministero degli Affari Esteri greco, Dott. Artemis Papathanassiou. La presentazione greca è stata diretta e sostanziale: le sculture smembrate del Partenone, divise tra Londra e Atene, devono essere riunite.

Il professor Stampolidis ha sottolineato l'unicità del Partenone e ha spiegato che le sculture del Partenone differiscono dagli altri oggetti museali in quanto provengono da un monumento sopravvissuto e la loro riunificazione alla struttura iniziale ripristinerebbe l'integrità di un monumento del patrimonio mondiale e non creerebbe un precedente per altri atti di rimpatrio.

Fonte Museo dellAcropoli

Da parte del Ministero degli Affari Esteri greco, il dottor Papathanassiou ha osservato che la richiesta greca era all'ordine del giorno della commissione come causa pendente dal 1984. Eppure il governo britannico continua a sostenere che si tratta solo di British Museum Trustees anche se, per quanto riguarda il diritto internazionale, l'obbligo di restituire i reperti culturali statali è proprio del governo e non di un museo.

Il primo ministro greco Kyriakos Mitsotakis ha definito la risoluzione dell'ICPCRP un "passo fondamentale" negli sforzi di restituzione del governo, ma è stata la visita del primo ministro greco nel Regno Unito nel novembre 2021 a portare i Marmi del Partenone allo sguardo del pubblico britannico e ad aumentare il profilo internazionale della campagna e la ferrea determinazione dei greci. ''Questa non è una questione legale di per sé, è soprattutto una questione sia di principio che politica'', ha affermato il primo ministro greco Kyriakos Mitsotakis, parlando ai giornalisti greci a Londra dopo il suo incontro con il primo ministro Johnson.

Nonostante la riluttanza di Boris Johnson a impegnarsi in negoziati intergovernativi sulla questione, K. Mitsotakis è apparso incoraggiato dalla sua visita nel Regno Unito; è interessante notare che una "maggioranza chiara e crescente" di residenti nel Regno Unito sembra essere dalla sua parte. Più precisamente, secondo un sondaggio condotto dal britannico YouGov, il 59 per cento dei partecipanti ha affermato che i marmi del Partenone appartengono alla Grecia e dovrebbero essere restituiti ai legittimi proprietari, una constatazione accolta favorevolmente dal premier greco Mitsotakis che ha commentato la forte relazione tra Grecia e Regno Unito: ''rafforziamolo ulteriormente. È tempo di fare la cosa giusta e riunire le sculture del Partenone ad Atene. Una mossa sostenuta dal popolo britannico''.

survey result 1

Nel dicembre 2021, su iniziativa della Grecia e con il sostegno di oltre 100 stati membri, l'Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha approvato una storica risoluzione per la restituzione di beni culturali ai loro paesi di origine. Come ha spiegato l'ambasciatore greco presso le Nazioni Unite, i beni culturali non sono semplicemente una testimonianza del passato di una nazione, ma il riflesso della storia e del patrimonio del paese, poiché ha chiesto la creazione di un quadro adeguato per la restituzione per ispirare al meglio la coscienza collettiva dell'umanità.

Nel frattempo, gli oggetti acquistati in circostanze dubbie vengono restituiti al loro paese di origine. L'esempio più recente è il ritorno di 55 antichi manufatti in Grecia, come annunciato dal procuratore distrettuale di Manhattan Alvin Bragg durante una cerimonia di rimpatrio tenutasi a New York alla quale ha partecipato la ministra greca della Cultura Lina Mendoni. La consegna ha fatto seguito alla conclusione, nel dicembre 2021, di un'indagine multinazionale su Michael Steinhardt, proprietario di una delle più grandi collezioni private d'arte antica del mondo (47 dei pezzi che saranno restituiti alla Grecia provenivano dalla collezione Steinhardt e altri otto sono stati estratti da un'altra indagine ancora in corso).

Partenone 2 Fonte Museo dellAcropoli

Il nuovo anno è iniziato con entusiasmo, come è stato segnato dal tanto atteso ritorno a casa del celebre ''frammento Fagan'' dal Museo Antonino Salinas di Palermo al Louis Godart. Il significato di questa restituzione non risiede nella natura a lungo termine del deposito del frammento al fregio del Partenone, ma nella prospettiva di rimanere permanentemente presso il monumento di cui fa parte (sine die), a seguito dell'iniziativa lanciata dal Autorità Regionale Indipendente della Sicilia nei confronti del Ministero della Cultura italiano.

In occasione della presentazione dell'opera al Museo dell'Acropoli, il PM K.Mitsotakis ha affermato che la sua restituzione ha aperto la strada al raggiungimento di accordi simili, anche con il Regno Unito, mentre l'assessore alla Cultura della Sicilia, Alberto Samonà, ha riconosciuto il forte valore simbolico del rimpatrio nel suo Paese di origine un piccolo, ma significativo, frammento appartenente al Partenone come gesto di amicizia tra Grecia e Sicilia.

''Grecia e Italia hanno aperto la strada e la Gran Bretagna deve seguirla. Il ritorno delle sculture del Partenone in Grecia sarà una vittoria della civiltà sul barbarismo. È una battaglia che dobbiamo vincere'', ha affermato Louis Godart, Presidente dell'Associazione Internazionale per la Riunificazione delle Sculture del Partenone.

Il fragmento di Palermo Paris Tavitian Acropolis Museum

La Grecia chiede la collaborazione della Gran Bretagna in nome del monumento stesso e in nome del Patrimonio Culturale Mondiale. Ciò può essere realizzato attraverso la cooperazione culturale ed educativa bilaterale. Più in particolare, la proposta prevede l'esposizione delle Sculture del Partenone riunificate in un'ampia sala del Nuovo Museo dell'Acropoli. Grecia e Gran Bretagna potranno partecipare al restauro e alla rinascita del Partenone. L'esposizione delle sculture del Partenone nel loro complesso ci consentirà di migliorare la nostra lettura di questo monumento unico - il simbolo dell'antica Grecia, della democrazia e della civiltà occidentale - sviluppare studi e rivelare alle generazioni future le conquiste dell'umanità.

Inoltre, ora che l'opinione pubblica in Gran Bretagna si è chiaramente spostata a favore del ritorno delle sculture nella loro legittima dimora ad Atene, conferire agli amministratori il diritto di restituire volontariamente le sculture non solo affermerebbe il rispetto della nazione britannica per l'immensa eredità dell'antica Grecia e promuoverebbe l'indivisibilità dell'arte greca classica, ma rafforzerebbe anche la reputazione del British Museum agli occhi del mondo nonché il ruolo globale del Regno Unito. In quanto tale, il rimpatrio delle sculture creerebbe una situazione vantaggiosa per tutti.

Partenone 1 Fonte Museo dellAcropoli

*Testo originale di Greek News Agenda

Αpplicazione aggiornata riguardante il fregio del Partenone:  The Parthenon Frieze 

Piú info e fotografie

 

Da rileggere su Punto Grecia

PK

banner newsletter punto

Punto Grecia
#accaddeoggi #otd #oggi Il 16 agosto 1919, Antonis #Samarakis nacque ad Atene ✍️ È stato uno degli intellettuali gr… https://t.co/T4xPHDuEyY
Punto Grecia
#mostre #fotografia 📍Robert McCabe’s HYDRA 1950s-1960s 🗓 20 luglio – 31 ottobre, 2022 🌀 Palazzo storico di Lazaros… https://t.co/OuBq4bJMcU
Punto Grecia
Buon Ferragosto💦 Serifos, Chòra 📷©️@AegeanIslands_ https://t.co/WxiDy8FaiV
Follow Punto Grecia on Twitter

Greece 2021