Union of Greek Shipowners

Gli armatori greci controllano più di un quinto dell'intera flotta mondiale e continuano ad espandersi: secondo i dati del rapporto annuale dell'Unione degli armatori greci per il 2021-2022, gli armatori greci controllano 5.514 navi, ovvero il 21% delle la flotta globale in termini di tonnellata secca (dwt). La capacità totale della flotta di proprietà greca è effettivamente cresciuta del 45,8% rispetto al 2014 e dallo scoppio della pandemia di COVID-19 la sua capacità è cresciuta del 7,4%. La flotta mercantile di proprietà greca trasporta merci tra paesi terzi con oltre il 98% della capacità della sua flotta, .il che la rende il più grande cross trader del mondo.

"Nel fluido ambiente globale, lo shipping ha funzionato e sta funzionando come un faro di stabilità", ha affermato nel suo messaggio la presidente dell'Unione degli armatori greci, Melina Travlos, aggiungendo che "lo shipping greco, che è al primo posto nel mondo con quasi Il 21% del tonnellaggio mondiale e rappresenta il 59% della flotta dell'Unione europea, ha una responsabilità di intraprendere e sostenere iniziative al fine di informare il grande pubblico sull'importanza strategica dell'industria e sulla necessità della sua priorità da parte dei leader politici di tutto il mondo ”.

Il trasporto marittimo greco è prevalentemente impegnato nel trasporto sfuso/tramp (bulk/tramp shipping), un settore imprenditoriale che mantiene caratteristiche di perfetta concorrenza: un numero molto elevato di imprese private, principalmente piccole e medie imprese (PMI), competono quotidianamente per affari a livello globale, con flessibilità e amministrazione snella, accesso trasparente alle informazioni e bassi costi di entrata e di uscita.

Come accennato in precedenza, la flotta di proprietà greca rappresenta il 59% della flotta controllata dall'Unione europea (UE), con oltre il 75% della flotta controllata dall'UE attiva nel settore bulk/tramp. Un terzo della flotta controllata dalla Grecia batte bandiera di uno Stato membro dell'UE.

A livello nazionale, il trasporto marittimo greco rimane un vantaggio strategico, particolarmente importante per l'economia del Paese: il trasporto marittimo contribuisce per oltre il 3% al valore aggiunto lordo e arriva a quasi il 7% del prodotto interno lordo (direttamente e indirettamente), offrendo circa 200.000 posti di lavoro, secondo il rapporto dell'Unione degli armatori greci . Il trasporto marittimo offre anche importanti afflussi netti per l'economia greca: nel 2021 gli afflussi nella bilancia dei pagamenti greca del trasporto marittimo non solo hanno superato i livelli del 2019, dopo la recessione del 2020 causata dalla pandemia, ma sono stati anche i più alti registrati dal 2008, superando i 17 miliardi di euro.

Union of Greek Shipowners2Fonte: Union of Greek Shipowners

Gli armatori greci investono costantemente in nuove navi efficienti dal punto di vista energetico e in attrezzature ecocompatibili, con l'età media della flotta di proprietà greca (9,99 anni), inferiore alla media globale (10,28 anni). Gli ordini di nuove costruzioni da parte degli armatori greci ammontano a 173 navi (dalle 104 dell'anno precedente); più di un terzo delle petroliere e quasi una nave LNG (navi metaniere) su sei attualmente in costruzione nel mondo sarà consegnata agli armatori greci. Gli armatori greci hanno costantemente investito in navi più grandi, che mostrano anche una maggiore efficienza e vantaggi ambientali grazie alle economie di scala che forniscono.

Nel suo messaggio, la signora Travlos ha osservato che il trasporto marittimo, in quanto settore industriale, sta riducendo drasticamente gli inquinanti, adottando una modalità operativa efficiente e ambientale, investendo costantemente in tecnologie nuove e certificate dal punto di vista ambientale, con la flotta di proprietà greca, all'avanguardia in nuove navi rispettose dell'ambiente. Ha aggiunto che: “Lo shipping greco, in quanto leader, utilizzando il suo know-how accumulato, rimane un foriero di crescita, sempre con proposte realistiche e obiettivi sostanziali, come la ricerca e lo sviluppo di combustibili marittimi alternativi ed ecologici.

A livello nazionale, collaboriamo con lo Stato per preservare la competitività della flotta di proprietà greca [..] La scelta della bandiera greca, l'ammodernamento del registro navale greco, nonché la scelta delle compagnie di navigazione con sede a La Grecia, tutti costituiscono un obiettivo comune dello Stato e dell'industria marittima. Rimane, inoltre, una nostra priorità comunicare alle nuove generazioni la prospettiva di scegliere la navigazione come professione. Per raggiungere questo obiettivo, collaboriamo con le accademie, le organizzazioni e lo Stato responsabili, mirando a una riforma del sistema di istruzione marittima.[..] In un ambiente esigente, il trasporto marittimo di proprietà greca è pronto e forte per affrontare le sfide nazionali e internazionali con prudenza, realismo, visione e conoscenza come leader mondiale nello shipping”.

In occasione del suo centesimo anniversario, l'Unione degli armatori greci ha commissionato alla famosa regista Athina Rachel Tsangari di creare un film-tributo alla tradizione marittima greca e alla sua eredità.

 Big in Japan: 70 anni di attività cantieristica greca nel Paese del Sol Levante

Lo storico e creatore del museo marittimo online Greek Shipping Miracle, George M. Foustanos, ha scritto un nuovo libro, "Made in Japan", che è stato pubblicato di recente in inglese. Oltre a uno studio sulle navi costruite per gli armatori greci nei cantieri navali giapponesi, il libro mostra come la storia della navigazione greca sia collegata alla storia globale.

GRAFICO EUROPEAN COMMISSION MERCHANT FLEET 2020Il libro mira ad esplorare la storia relativamente sconosciuta del ruolo degli armatori greci nell'emergere del Giappone come potenza leader nella costruzione navale dopo la fine della seconda guerra mondiale. I 70 anni di attività cantieristica greca in Giappone iniziarono nel 1952, quando il primo ordine di costruzione navale di massa fu dato alla Hitachi Zosen K.K. di Osaka dal gruppo Giannis M. Karras. Da allora, nei cantieri navali giapponesi sono state costruite 1.900 navi di interesse greco, il che significa in media una ogni 13 giorni.

Secondo Foustanos, il catalizzatore che ha portato allo sviluppo esplosivo del dopoguerra dei cantieri navali giapponesi è stata l'introduzione della tecnologia cantieristica dagli Stati Uniti, con particolare enfasi sui nuovi metodi di saldatura e per la produzione in serie di navi. Questo know-how ha permesso il continuo miglioramento dei tempi di costruzione nei cantieri navali giapponesi, dando impulso ad un settore che, nonostante il basso costo della manodopera, non poteva fino ad allora competere con i cantieri europei, principalmente a causa degli alti costi di trasporto delle materia prime per la costruzione navale in Giappone.

La nave portarinfuse KAPETAN GIANNIS costruita nel 1981 dalla Nippon Kokan K.K. in Giappone per una società sotto la direzione di Glafki Shipping Co.S.A. immagine di Greek Shipping MiracleLa nave portarinfuse KAPETAN GIANNIS, costruita nel 1981 dalla Nippon Kokan K.K. in Giappone per una società sotto la direzione di Glafki Shipping Co.S.A. (immagine di Greek Shipping Miracle)

Tuttavia, come osserva Foustanos, c'era ancora un fattore critico da risolvere, ovvero trovare clienti per effettuare ordini di costruzioni navali per l'esportazione. In questo contesto, il ruolo degli armatori greci si rivelò cruciale. Con ordini successivi effettuati dalla fine del 1951, principalmente da armatori greci con sede negli Stati Uniti, grandi navi cisterna sono state costruite in Giappone, sotto bandiere liberiane e noleggiate alle principali compagnie petrolifere statunitensi. In meno di cinque anni, e precisamente nel 1956, grazie ai continui ordini di massa degli armatori greci, il Giappone ha superato l'onnipotente industria cantieristica britannica nella produzione navale.

Parlando al quotidiano 'Kathimerini', Foustanos ha espresso la sua convinzione che "la navigazione è il più grande accomplishment dell'ellenismo moderno", aggiungendo che "partecipando al commercio e ai trasporti marittimi, i greci sono riusciti a unirsi pacificamente con le persone in tutto il mondo. Le nostre navi oggi sono 5.000 fabbriche di mare che trasportano in modo competitivo carichi internazionali e navigano verso i porti del mondo, generando nuovi posti di lavoro ogni giorno, senza alcun costo per le economie locali. Considerando che il 70% della Terra è mare e noi controlliamo il 20% dei trasporti marittimi, ciò significa che trascorriamo ogni giorno attivamente impegnati, in modo pacifico e creativo, nell'area più grande del mondo".

ANDROS THUNDER 2La Andros Thunder per il trasporto di minerali/petrolio durante il suo varo ufficiale nel 1957. I suoi proprietari – i figli di Petros J. Goulandris – hanno fatto costruire 78 navi in Giappone (immagine di Kathimerini)

*Testo originale in inglese in Greek News Agenda

*Fonte foto di copertina: Union of Greek Shipowners

Da rileggere su PuntoGrecia 

P.K.

banner newsletter punto

Punto Grecia
#storia #archeologia #cultura #Creta 📖✍️Oltre un secolo fa Arthur Evans riportò alla luce il palazzo del mitico re… https://t.co/P0729ufpmk
Punto Grecia
Benvenuto Dicembre☃️ Buon mese da Tsepelovo – a 51 km da Ioannina, #Epiro 🇬🇷 ❗️La tradizionale #architettura in pi… https://t.co/WPC39iAS41
Follow Punto Grecia on Twitter

Greece 2021