La Grecia in Europa 2040, pubblicato il 22 dicembre 2021, da ELIAMEP, la Fondazione ellenica per la politica europea ed estera, faceva parte del Libro bianco sulla Grecia 2040 prodotto sotto gli auspici del Comitato "Grecia 2021" in occasione del 200° anniversario della Guerra d'indipendenza greca. È disponibile online dalle edizioni Papazisis.

Il percorso intrapreso dall'Unione Europea (UE) fino al 2040 sarà veramente consequenziale per la Grecia. Dopotutto, l'adesione della Grecia all'UE è il fattore più significativo nella sua politica estera, oltre ad essere di fondamentale importanza per l'economia della nazione e la politica pubblica in generale. Il rapporto di ELIAMEP esamina le tendenze più significative che dovrebbero avere un impatto sugli sviluppi globali negli anni a venire, con particolare attenzione alla demografia, ai cambiamenti climatici e alla rivoluzione tecnologica, nonché al modello economico, alle società e alle istituzioni politiche dell'Europa e alle sue relazioni internazionali.

greeceineurope rectangle

Tendenze e sfide principali | L'Europa e l'ambiente internazionale

L'importanza relativa dell'Europa nell'equilibrio di potere globale diminuirà negli anni a venire. Un'Europa che invecchia e con una popolazione in diminuzione sarà chiamata a difendere interessi e valori comuni in un'epoca in cui il baricentro si sposta da Ovest a Est ed in un contesto internazionale in rapido mutamento, con un potere più ampiamente distribuito. L'ambiente internazionale sta subendo grandi cambiamenti e l'Europa potrà influenzare gli sviluppi e difendere i propri interessi solo se agirà come un'Europa unita.

L'Europa, come altre aree del mondo, dovrà anche affrontare la sfida del cambiamento climatico. Nonostante le numerose e scoraggianti difficoltà, l'UE rimane un pioniere nell'affrontare i cambiamenti climatici con l'obiettivo di diventare climaticamente neutra entro il 2050 e ridurre le emissioni del 55% entro il 2030. Si prevede che il Green Deal europeo sarà la nuova impresa comune su larga scala dopo il mercato interno e l'euro. Il nuovo pacchetto di misure annunciato dalla Commissione nell'estate del 2021 è coerente con questo obiettivo, anche se la loro realizzazione si prevede che sia estremamente difficile.

Per quanto riguarda la rivoluzione digitale e le nuove tecnologie l'Europa è in prima linea come superpotenza normativa. Tuttavia è in ritardo nella produzione in quanto attualmente non ha grandi imprese ad alta tecnologia. I paesi che possono controllare le tecnologie digitali, sia sviluppando sistemi internamente sia facendone il miglior uso, saranno sempre più in grado di plasmare gli sviluppi economici, sociali e politici in tutto il mondo. Sebbene l'Europa abbia un elevato livello di istruzione, competenze e innovazione, non soddisfa i prerequisiti per finanziare iniziative imprenditoriali ad alto rischio. Poiché il futuro della produttività risiede principalmente nell'economia basata sulla conoscenza che richiede finanziamenti ad alto rischio di questo tipo, l'UE dovrà prendere importanti iniziative in questa direzione.

Il rapoporto si occupa anche degli sviluppi all'interno dell'UE e dei suoi Stati membri: il nuovo paesaggio politico è caratterizzato da frammentazione e diversità. Ciò ha reso più difficile la formazione di maggioranze al potere, portando a fragili coalizioni di governo e, spesso, ad una maggiore instabilità politica. In questo periodo si sono rafforzati i cosiddetti partiti antisistema e i partiti populisti. Nelle società con crescenti disuguaglianze in cui il contratto sociale del dopoguerra è sottoposto ad una pressione sempre crescente, il valore attribuito alla democrazia parlamentare liberale, in particolare tra le giovani generazioni, è sempre più in declino. La partecipazione alle elezioni è in calo e si è registrato un calo ancora maggiore degli iscritti ai partiti politici. La fluidità politica e l'incertezza sociale saranno caratteristiche inevitabili in questo periodo. Per quanto riguarda l'immigrazione, continuerà ad essere una delle questioni politiche più grandi e difficili da risolvere.

La resilienza dell'UE alle successive crisi degli ultimi anni, nonché le decisioni critiche che incidono sul corso dell'integrazione europea, come quelle raggiunte nel 2020 per affrontare le conseguenze economiche della pandemia, indicano la notevole importanza che i vertici politici nazionali attribuiscono alla sopravvivenza dell'UE, nonostante i grandi disaccordi esistenti su numerose questioni individuali. La resilienza dell'UE è rafforzata anche dall'immagine positiva per il progetto europeo che ha attualmente la maggior parte dei cittadini.

Gestire la crisi che sta affrontando la democrazia liberale non sarà facile. Richiederà politiche economiche più inclusive volte a ridurre le disuguaglianze economiche e sociali, nonché le disuguaglianze intergenerazionali che già costituiscono un grave problema. Il contesto internazionale in cui l'UE dovrà funzionare nei prossimi vent'anni sarà determinato da una serie di fattori: progressi tecnologici, cambiamenti climatici, possibili nuove pandemie, sviluppi dell'economia mondiale e della governance economica, controllo degli armamenti e proliferazione nucleare, conflitti regionali, terrorismo. E, naturalmente, l’emergenza di altri grandi centri di potere economico e politico.

Conseguenze e scelte per la Grecia

La partecipazione della Grecia all'UE è stata finora contrassegnata dalle giuste scelte strategiche in momenti critici, che ne determinò il progresso da allora in poi, da significativi successi diplomatici nei negoziati europei, ma anche da numerose crisi che hanno colpito le nostre relazioni con il resto d'Europa.

Il rapporto della Grecia con l'integrazione europea è sia esistenziale che transazionale. È esistenziale, perché nel nostro difficile angolo del mondo, il Paese ha bisogno di potenti alleati e di un'Europa forte come sicurezza aggiuntiva. È anche esistenziale perché un polo europeo di stabilità democratica, economica e geopolitica può servire da punto di riferimento e contribuire in modo determinante al miglioramento qualitativo della Repubblica ellenica. Il rapporto della Grecia con l'UE è ovviamente anche un rapporto transazionale, data l'enorme importanza delle risorse europee e del trasferimento di know-how per lo sviluppo economico del Paese – a condizione, però, che l'economia greca possa competere con successo in un ambiente le cui regole spesso riflettono gli interessi delle economie più avanzate.

Per tutti questi motivi, la Grecia ha bisogno di un'Europa forte e unita che funzioni più come una federazione e meno come una forma di cooperazione intergovernativa in cui tendono a prevalere gli interessi degli Stati più potenti. In un ambiente  altamente competitivo come quello del mercato interno europeo con una moneta comune, la Grecia può massimizzare i vantaggi dell'adesione a due condizioni preliminari: in primo luogo, avere un'economia sana e orientata verso l'esterno che attua le sue trasformazioni digitali e verdi alla massima velocità, che richiede talvolta scelte politiche difficili tra competitività e solidarietà sociale e, in secondo luogo, una forte politica europea di coesione e solidarietà. La prima condizione dipende principalmente da noi, la seconda chiaramente molto meno.

Un terzo requisito è uno Stato moderno che fissi i parametri di base e guidi l'economia domestica – fino a che punto è una questione di preferenza ideologica – uno Stato che negozia con competenza e flessibilità a Bruxelles e applichi efficacemente le regole comunitarie. È anche necessario un consenso politico rudimentale sulle priorità fondamentali della politica europea ed estera della Grecia. In un'UE più differenziata, che è lo sviluppo più probabile negli anni a venire, la questione cruciale per la Grecia è se sarà in grado di partecipare alle “coalizioni dei volenterosi” ed a quali condizioni.

Un Paese forte con fiducia in sé, uno Stato moderno, un'economia competitiva e una coesione sociale, un minimo di consenso sugli obiettivi fondamentali della politica estera ed europea, sempre presente negli affari e nei processi decisionali europei e con alleanze ben scelte sarà chiaramente in una posizione molto migliore per «unirsi» ad un'Europa a più velocità e influenzare gli sviluppi. Se la Grecia viene lasciata fuori dalla "coalizione dei volenterosi", tuttavia, c'è il rischio che cada in un pericoloso circolo vizioso di introversione e insicurezza esterna, stasi economica e instabilità sia politica che sociale. È proprio questo circolo vizioso che dobbiamo lavorare per evitare con tutti i mezzi a nostra disposizione.

banner newsletter punto

Punto Grecia
#InternationalMuseumDay #IMD2022 #prestiti_lessicali 🖋muṡèo s. m. [dal lat. Musēum, gr. Μουσεῖον der. di Μοῦσα… https://t.co/EfEQ9AHhhs
Punto Grecia
#IlPoteredeiMusei #ΗΔύναμητωνΜουσείων #giornatainternazionaledeimusei ❗️🏛️I musei sono un importante mezzo di sc… https://t.co/hqRtrgrayR
Punto Grecia
#GiornatadellaLegalità 🇬🇷 🇮🇹 "L’Ultima Estate. Falcone e Borsellino 30 anni dopo" 🎭Fondazione Michael Cacoyannis 🗓… https://t.co/9AqYJaHHbj
Follow Punto Grecia on Twitter

Greece 2021